la rinascita
 
rinascita 1
 
Il Progetto di Recupero ad opera di FABBRICA SACCARDO architetture
 
Fabbrica Saccardo, grazie alla sua localizzazione su un terreno collinare, risulta essere articolata su più livelli e costituita da più corpi produttivi, due abitazioni (rispettivamente per il direttore e per il custode degli stabilimenti) ed una centrale idroelettrica che sfrutta l’adiacente torrente Orco.
I fabbricati con due svettanti ciminiere sono caratterizzati dalla sequenza modulare dei tetti a capanna sovrastanti facciate scandite dalla ritmica successione di finestre semplici o binate ecircolari nei sottotetti.
La situazione attuale vede l’aggiunta di corpi di fabbrica successivi rispetto all’impianto originale, realizzati cercando comunque di rispettare le strutture esistenti.
Gli spazi interni sono scanditi dalle snelle colonne portanti in ghisa che, oltre a suddividere lo spazio in moduli regolari, rappresentano uno degli elementi tipici degli edifici di fine ‘800.
Gli ultimi piani risultano essere particolarmente luminosi grazie alla copertura a shed, che troviamo sia in legno che in cemento.
 
rinascita 2
 
La ristrutturazione ha riguardato l’ultimo piano del corpo di fabbrica superiore del complesso Fabbrica Saccardo per una superficie complessiva di circa 2000 mq che sono stati trasformati in spazi destinati a diversi utilizzi: da un lato essi diventano luoghi di lavoro per studi professionali (architetti, fotografi, artisti, ballerini), dall’altro lato l’ambiente può diventare la location per eventi (dalla festa privata alla mostra d’arte).
La volontà è stata quella di recuperare gli ambienti nel massimo rispetto della struttura esistente con l’obiettivo di valorizzare al meglio gli spazi cercando di adattarli per soddisfare tutte le moderne esigenze legate all’utilizzo degli spazi stessi e cercando di rendere l’ambiente flessibile visti anche i diversi utilizzi previsti.
 
rinascita 3
 
L’operazione consiste in una serie di interventi non invasivi atti a migliorare la fruizione e le prestazioni tecniche e tecnologiche della porzione interessata e si pone come obiettivi primari il pieno rispetto dell’edificio esistente e la valorizzazione delle sue peculiarità. Da qui le scelte di: utilizzare pareti divisorie vetrate che permettessero la lettura dello spazio nel suo complesso, riprendere le variazioni cromatiche già presenti (come il bianco ed il grigio antracite delle colonne in ghisa) anche per gli arredi, optare per delle finiture non troppo sofisticate che meglio si addicono all’ambiente “fabbrica”, ricollocare vecchi macchinari nei diversi ambienti a testimonianza dello stretto legame con la storia. Il tutto per permettere allo spazio stesso di raccontarsi a pieno e di essere il vero protagonista.
 
rinascita 4

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Per saperne di più Leggi l' informativa.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information